Proteggersi è importante

Quali sono le prospettive dell'IT nelle PMI?

24 Oct 2022

Una recente indagine di Analysys Mason descrive la situazione attuale e i piani futuri delle piccole e medie imprese in quattro Paesi: Germania, Singapore, Regno Unito e Stati Uniti. L'analisi si concentra sull'influenza della pandemia sul gruppo di PMI intervistate, sulle nuove e continue sfide che le aziende devono affrontare e sulle loro prospettive per i prossimi mesi. Perché le aziende investono di più nell'IT? E come pensano di rendere il lavoro a distanza più sicuro e produttivo? Scoprite quali sono le tendenze nel segmento delle PMI.

1. La pandemia da COVID-19 continua ad avere un impatto sulle PMI

Dopo il calo significativo del 2020, i ricavi delle imprese intervistate stanno gradualmente tornando al livello precedente alla pandemia. Tuttavia, la maggior parte delle PMI continua ad affrontare alcune sfide legate alla pandemia. Tra i problemi più importanti, Analysys Mason elenca "la carenza di lavoratori, i ritardi della catena di approvvigionamento e la crescente inflazione". Le influenze durature di questi fattori motivano le PMI a investire in soluzioni informatiche che le aiutino nel supporto alle vendite, nella gestione dei dipendenti, nella produzione e altro ancora.

Graph showing the revenue changes between 2020 and 2021 in USA, UK, Germany and Singapore

 

2. Le PMI si concentrano sull'espansione e sull'assunzione di nuovi dipendenti

Le PMI intervistate hanno mostrato interesse per lo sviluppo futuro in termini di espansione e assunzione di nuovo personale. Tra le due, quest'ultima sembra essere una priorità maggiore, ma la maggior parte delle PMI ha notato di aver incontrato difficoltà nella ricerca di nuovi dipendenti qualificati. Questo problema è probabilmente legato alla persistente carenza di forza lavoro nel settore IT, in quanto per le PMI sta diventando sempre più difficile attrarre talenti IT, che spesso scelgono di lavorare in aziende più grandi.

Graph showing SMB’s expansion plans for the next 12 months in USA, UK, Germany and Singapore

 

3. Il lavoro da remoto e il lavoro ibrido sono destinati a rimanere

La pandemia ha costretto molti dipendenti ad adottare un modello di lavoro remoto o ibrido. Sebbene le PMI intervistate prevedano il ritorno in ufficio di una parte dei loro dipendenti, le aziende di tutti i Paesi considerati prevedono che circa il 40% dei loro lavoratori continuerà a lavorare da casa. Date le circostanze, le PMI intervistate considerano la soddisfazione dei dipendenti da remoto come una delle loro priorità aziendali.

Graph showing current proportion of employees working from home in USA, UK, Germany and Singapore

 

4. Le PMI hanno optato per misure informatiche a supporto dei lavoratori a distanza

Le PMI di tutti i Paesi intendono dare priorità al miglioramento della produttività, del coinvolgimento e della comunicazione dei propri dipendenti. Le misure adottate per raggiungere questi obiettivi includono l'acquisto di nuove attrezzature di lavoro, check-in regolari per il benessere e miglioramenti della sicurezza digitale, che comprendono nuove soluzioni di sicurezza e una maggiore capacità VPN, oltre a una formazione sulla sicurezza.

Graph showing measures taken by SMBs to support remote employees in USA, UK, Germany and Singapore

 

5. Le priorità tecnologiche future delle PMI dovrebbero favorire sia il lavoro da remoto sia il lavoro ibrido

Poiché si prevede che il lavoro remoto e il lavoro ibrido rimarranno nelle aziende intervistate, le PMI intendono concentrarsi sul miglioramento della produttività e della connettività. Oltre a ciò, altre PMI prevedono di continuare a sostituire i desktop con laptop e tablet, ma la questione non è più così urgente come nel 2020. Le PMI sperano di aumentare la loro capacità di gestire i problemi legati al lavoro da remoto, ed è per questo che intendono fornire assistenza informatica remota ai propri dipendenti. Anche lo spostamento dell'attività nel cloud è una delle pratiche comuni individuate. Circa il 22% delle aziende prevede di adottare un'infrastruttura cloud e circa il 19% delle aziende vuole utilizzare SaaS (software-as-a-service) basato sul cloud.

Graph showing SMB’s planned technology priorities in the next 12 months in USA, UK, Germany and Singapore

 

6. La maggior parte delle PMI intervistate utilizza un servizio IT gestito

Le PMI che non hanno ancora utilizzato un servizio IT gestito prevedono di investire in questo settore nei prossimi mesi. La crescita maggiore di questi investimenti è prevista negli Stati Uniti (51%), mentre la crescita minore - ma comunque significativa - è prevista dalle PMI di Singapore (39%). Le aziende che attualmente operano senza alcun servizio IT gestito sono più propense a cercare servizi di archiviazione, backup e ripristino gestiti, sicurezza gestita, gestione dei dispositivi mobili e PC gestiti in futuro.

Graph showing percentage of SMBs that are planning to increase their spend

 

7. Oltre il 70% delle PMI intervistate prevede di aumentare gli investimenti in IT

Come suggeriscono i risultati precedentemente discussi, la pandemia ha motivato le aziende esaminate a investire nell'IT. La maggior parte delle PMI prevede di continuare ad aumentare i propri budget IT; una diminuzione è prevista solo per circa il 2% delle aziende nei quattro Paesi esaminati. Inoltre, la percentuale del fatturato annuale investita nell'IT dovrebbe continuare ad aumentare di circa lo 0,45%. Secondo le previsioni, le PMI intervistate investiranno circa il 4,93% del loro fatturato nell'IT.

La spesa per la sicurezza informatica delle PMI dovrebbe passare da 57 miliardi di dollari nel 2020 a 90 miliardi di dollari nel 2025. Per quanto riguarda la spesa per categoria di soluzioni di sicurezza, si prevede che i servizi di sicurezza gestiti avranno la quota maggiore e rappresenteranno il 33% della spesa delle PMI per la cybersecurity nel 2025.

Graph showing IT budget as a percentage of annual revenue for SMBs in USA, UK, Germany and Singapore

8. La maggior parte delle PMI percepisce il proprio futuro in modo ottimistico

Anche nei tempi incerti della pandemia, la maggior parte delle PMI intervistate ha espresso la propria fiducia in un futuro aziendale di successo. Secondo l'indagine di Analysys Mason, le medie imprese degli Stati Uniti sono le più ottimiste, mentre il livello più basso di ottimismo è stato dimostrato dalle piccole imprese del Regno Unito, che hanno dovuto affrontare anche le conseguenze della Brexit e il rapido aumento dei costi energetici.

 

Sulla base dei risultati dell'indagine di Analysys Mason, possiamo osservare che la maggior parte delle PMI sta pianificando di aumentare la spesa per la cybersecurity. Non è una sorpresa, dato che possiamo osservare l'aumento delle minacce alla sicurezza informatica di anno in anno. Ma anche con l'aumento del budget ci sono ancora sfide da superare, come la carenza di personale qualificato o la necessità di adattare le tecnologie che consentono un modello di lavoro ibrido, che continua a essere una tendenza. Con questo modello, è necessario proteggere le infrastrutture remote e creare consapevolezza tra i dipendenti, che possono essere gli anelli più deboli o più forti quando si tratta di sicurezza informatica.